Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie

Chiamaci: +39 0971 181062

Calcolo Danni

 

Risarcimento danni da incidente stradale mortale

La quantificazione del risarcimento del danno morale da morte non ha dei criteri unici in tutta Italia sebbene, conformemente a quanto stabilito più volte e recentemente dalla Corte di Cassazione, vengano prevalentemente applicate le Tabelle adottate dal Tribunale di Milano.

Calcolo valido per i Tribunali di Milano e restanti Tribunali (ad eccezione di quelli sotto indicati che adottano le tabelle di Roma)

Rapporto di parentela Valore minimo Valore massimo Valore medio
Per ogni Genitore da € 163.990,00 a € 327.990,00 € 245.990,00
Per ogni Figlio da € 163.990,00 a € 327.990,00 € 245.990,00
Per il Coniuge o Convivente da € 163.990,00 a € 327.990,00 € 245.990,00
Per ogni Fratello da € 23.740,00 a 142.420,00 € 83.080,00
Per ogni Nonno da € 23.740,00 a 142.420,00 € 83.080,00

 

Calcolo valido per i Tribunali di Roma, Crotone, Lanusei, Frosinone, Rieti, Viterbo.

Compila i campi del seguente modulo e clicca sul pulsante “Calcola”.
Sotto al modulo compariranno i messaggi relativi al risultato della compilazione.

Modulo di calcolo

Convivenza e composizione del nucleo familiare

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

Non convivenza: Possibilità di riduzione fino ad 1/2 del punteggio complessivo (la riduzione è destinata a consentire una diversificazione tra non conviventi)

Il calcolo danni da perdita parentale (danno tanatologico) si basa su un sistema a punti elaborato dal Tribunale di Roma, aggiornato ai valori diffusi per il 2014, per cui il corrispettivo economico del danno è determinato mediante l’attribuzione di un punteggio numerico da moltiplicarsi per una somma di denaro che costituisce il valore ideale del singolo punto di danno non patrimoniale.

Il sistema di calcolo danni tiene inoltre conto di taluni ulteriori parametri al fine di calibrare al meglio il risarcimento in relazione alla situazione concreta. In particolare rilevano la convivenza tra la vittima ed il congiunto superstite, per cui in può derivare la riduzione fino ad 1/3 del punteggio complessivo, nonché il fatto che la vittima fosse l’unico familiare e/o l’unico convivente del sopravvissuto, circostanze che diversamente determinano una maggiorazione del punteggio.

Il punteggio numerico è determinato in relazione ai seguenti parametri:

  • Rapporto di parentela tra vittima e superstite, dovendosi presumere che il danno è tanto maggiore quanto più stretto è il rapporto;
  • Età del supersite, dovendosi ritenere tanto maggiore il danno quanto minore è la sua età;
  • Età della vittima, dovendosi ritenere tanto minore il danno quanto maggiore è l’età della vittima al momento del fatto;
  • Convivenza tra la vittima ed il superstite, dovendosi presumere che il danno sarà tanto maggiore quanto più costante è stata la frequentazione.
  • Composizione del nucleo familiare, per cui quanto minore è il numero dei congiunti superstiti tanto maggiore è il danno patito.